Home > Antenne Precarie > Il programma Tremonti-Gelmini per l’Università: le facoltà agli immobiliaristi

Il programma Tremonti-Gelmini per l’Università: le facoltà agli immobiliaristi


Ai tutti, CRUI esclusa, era parso chiaro fin da quando la legge 133 diede alle università la possibilità di trasformarsi in fondazioni: in un paese in cui l’investimento privato in ricerca ed innovazione è, in rapporto al PIL, meno della metà della media UE e poco più di un quinto di quello delle tre nazioni di testa, il solo interesse che i “privati” possono nutrire verso il sistema universitario è mettere le mani sul patrimonio immobiliare dei nostri atenei.

Puntualmente, il ministro Tremonti, intervenendo alla presentazione di un libro al Collegio Nuovo di Pavia, ha spiegato che le università possiedono un patrimonio immobiliare immenso “che potrebbe essere venduto gradualmente per finanziare le esigenze degli atenei” , anche se, bontà sua, “non puoi vendere tutto di colpo, ma è evidente che qualcosa non funziona”. D’altra parte fra tagli, calo degli iscritti, propositi di rinunciare a fare ricerca nel nostro paese, intenzioni di avviare i giovani al lavoro manuale anziché agli studi universitari, chiusure, fusioni e federazioni di atenei, è inevitabile che prima o poi le università finiscano per essere costrette a vendere i propri immobili, spesso collocati nelle zone centrali delle nostre città. Fuori c’è un mondo di palazzinari che aspetta, i famosi “esterni” ansiosi di mettere un piede nei rinnovati consigli di amministrazione.

Advertisements
Categorie:Antenne Precarie
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 20 aprile 2011 alle 17:03

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: