Home > Leggi > Audizione alla Camera sul decreto sul dissesto finanziario degli atenei

Audizione alla Camera sul decreto sul dissesto finanziario degli atenei


La relazione sull’audizione alla Camera dello scorso 21 luglio scritta da Luca Tomassini, che ha partecipato per il CPU:

Cari tutti,
sono reduce da un’audizione alla Camera sul regolamento per gli atenei in dissesto finanziario. Iniziata con ritardo, si è conclusa in anticipo e senza contraddittorio-discussione. Grandi sorrisi da parte di tutti gli onorevoli presenti, miracoli della brezza elettorale.

Nel merito, come più o meno tutte le organizzazioni presenti ho criticato l’impianto dl testo sul piano generale (prima si tolgono i fondi e poi si commissaria dando degli spendaccioni). Nello specifico, ho sottolineato le nefaste e scontate conseguenze sui precari del blocco di ogni contratto previsto in caso di dissesto, che non a caso si accompagna a un generico accenno alla necessità di rispettare parametri minimi nei servizi. Ovvero, dove i precari fossero imprescindibili per corsi ecc non c’è problema, si taglia tutto. Questo è vero anche per gli strutturati di ogni ordine e grado, per i quali sono previste procedure di mobilità coatta. I poteri del commissario sono illimitati: il CDA è sciolto, il rettore perde la titolarità della rappresentanza legale dell’ateneo, è possibile vendere il patrimonio (valutato da un perito PRIVATO), ripeto la mobilità è per tutti, i CRITERI DI GRAVITA’ DEL DISSESTO NON SONO SPECIFICATI. Grave anche il fatto che la procedura di commissariamento venga aperta su segnalazione del Collegio di revisori dei conti. In molti atenei è nominato dal rettore, il che lascia intravedere come tutto sarà affidato ai rapporti tra rettori medesimi e ministeri. Il commissariamento potrebbe dunque essere selettivo e clientelare (mi viene in mente il denaro appena reperito da Frati per la sua eccellenza telematica).

In ogni modo il commissario ha tutti i poteri di un COMMISSARIO LIQUIDATORE e la gestione del sistema universitario si profila sempre più come un affare tra rettori e ministero.

Spettacolare infine l’invito a <<reperire risorse sul “mercato” della formazione superiore>> (le virgolette in un testo di legge, nel quale peraltro si parla ancora di facoltà!!!).

Per l’opposizione presenti Ghizzoni, Tocci, Bachelet.

Advertisements
Categorie:Leggi
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: