Home > Leggi > “Solidarietà” e rapporti di forza

“Solidarietà” e rapporti di forza


Il “contributo di solidarietà” previsto dalla manovra di ferragosto altro non è che una tassa del 5% sulla quota di reddito eccedente i 90.000 euro annui e del 10% sulla quota di reddito eccedente i 150.000 euro annui. Un’imposizione, insomma, che di certo non riguarda i comuni mortali, i precari, i disoccupati, i pensionati (tranne quelli “d’oro”), gli operai, i commessi, gli impiegati… Riguarda i lavoratori dipendenti che guadagnano circa 4.000 euro al mese, tredicesima inclusa. Riguarda, insomma, i direttori di giornale e i loro giornalisti “top”. Sarà per tale ragione che in questi due giorni sul Corriere della Sera e su altri quotidiani nazionali abbiamo potuto ammirare una potente campagna per la cancellazione del contributo. Per sostituirlo con cosa? Con l’aumento dell’IVA, un provvedimento che invece colpirebbe tutti, inclusi i precari, i disoccupati, i pensionati…

Purtroppo, questa è l’Italia delle caste e dei loro egoismi, questi sono i rapporti di forza e queste sono le  voci che arrivano alla classe politica. Assisteremo alla cancellazione del contributo di solidarietà, all’aumento dell’IVA e al mantenimento degli articoli che di fatto cancellano il divieto di licenziamento senza giusta causa…

Advertisements
Categorie:Leggi
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: