Home > Appuntamenti, Documenti > Progetto: Università democratica

Progetto: Università democratica


Premessa

La riforma Gelmini è stata elaborata senza che venisse messo in campo alcun processo conoscitivo che gettasse luce sullo stato reale dell’università italiana. Piuttosto, si è giustificata la necessità di una riforma ‘punitiva’ estrapolando e generalizzando alcuni ‘casi-scandalo’, le cui cause sono state individuate nel ‘comportamento’ errato di singoli individui.

Il consenso politico della legge Gelmini poggia dunque su due punti: su un discredito di chi lavora nell’università pubblica e sulla assenza di un’indagine empirica che riesca a cogliere e tener conto della complessità ‘antropologica’ e ‘sistemica’ dell’università. La riforma, pertanto, non ha affatto contribuito ad alleviare le lacune e problematiche del sistema e della vita universitaria, anzi le ha aggravate.

D’altra parte, gli ultimi provvedimenti sull’università pubblica sposano a pieno gli obiettivi della legge 240, tra cui la riduzione drastica di nuovo personale universitario, che avrà delle ricadute evidenti sul funzionamento dell’intero sistema: l’aumento delle tasse agli studenti, una minore offerta didattica, il peggioramento della qualità della ricerca e dell’insegnamento.

Ipotesi e obiettivi della ricerca

Sulla base di tale premessa il comitato organizzatore dell’assemblea nazionale ha pensato di lanciare un progetto mirante a cogliere le reali problematiche del sistema universitario.

Non si tratta soltanto di delineare un quadro articolato dei malfunzionamenti del sistema-università, ma, di provare, sulla base dei dati emersi, a individuarne cause, origini ed effetti sul breve e lungo periodo.

Se si guarda poi all’università come a un ‘sistema’, per quanto questo possa svilupparsi autonomamente è interdipendente ad altri sottosistemi e a macrosistemi, soprattutto alle decisioni, scelte che qui vengono prese. A tale proposito ci sono due livelli di cui tener conto:

a) il rapporto tra il sottosistema università e il sistema politico, considerando in primo luogo come vengono distribuite e ripartite le risorse dello stato tra i vari ‘sottosistemi’ (ad esempio le spese militari, ecc.) e secondariamente quali politiche culturali e sociali vengono adottate nei confronti dell’università e dei suoi utenti: studenti; precari, strutturati;

b) il rapporto tra sistema università e il sistema-città-territorio, considerando quindi come agisce e si interrelaziona il governo locale con l’università e con i suoi utenti in termini di politica culturale e di welfare.

L’ipotesi di partenza del progetto è che le inefficienze del sistema universitario possano essere ricondotte principalmente a tre fattori tra loro interconnessi:

1) un complessivo disinvestimento sull’università;

2) una poco accurata gestione delle scarse risorse a disposizione;

3) la presenza di strutture di potere, in molti casi, di tipo personalistico che regolano i rapporti interni tra le componenti universitarie e l’accesso alla carriera accademica, che ledono il  funzionamento democratico dell’Università e possono compromettere la qualità della ricerca e della didattica;

In tal senso, possiamo affermare, la riforma Gelmini e i recenti provvedimenti del ministro Profumo non hanno fatto che aggravare la situazione attuale in cui versa l’università italiana.

La finalità ultima del progetto è quindi quella di riuscire a redigere un rapporto elaborato del sistema e del panorama universitario italiano che possa essere uno strumento ‘utile’ per coloro che studiano e lavorano all’università, per i cittadini poco informati sulla reale situazione dell’università italiana e soprattutto per coloro che hanno il potere di decidere sulle sorti e il futuro dell’università pubblica. L’idea è quindi non soltanto di fornire uno strumento conoscitivo, ma di costruire uno strumento che possa avere anche valenza simbolica e politica.

Descrizione del progetto e dei compiti della ricerca

Per verificare le ipotesi e rispondere agli obiettivi della ricerca si adotterà come strumento d’indagine un questionario semi-strutturato (da compilare e diffondere possibilmente on-line) rivolto alle varie componenti dell’università: studenti, dottorandi, precari della didattica e della ricerca, ricercatori strutturati, professori associati, professori ordinari, personale tecnico-amministrativo.

L’ambizione è di riuscire a estendere il più possibile il campo d’indagine. Ciò implica un lavoro di coordinazione e coordinamento che rende necessario:

a) un gruppo di coordinamento che si occupi di: 1) formulare i questionari; 2) analizzare i dati raccolti; 3) redigere dei resoconti parziali via via che vengono elaborati risultati intermedi e un rapporto finale in cui si presenti un quadro dettagliato di sintesi dei dati raccolti.

b) la costruzione di una rete tra i vari atenei del nord, centro e sud d’Italia che riesca a raggiungere le varie componenti sopra elencate e di ricoprire i diversi settori disciplinari.

Il questionario, che rimarrà anonimo, verrà suddiviso in due parti.

Nella prima parte verranno raccolti i dati strutturali del soggetto intervistato quali: età anagrafica; genere; città (stato) di provenienza; ruolo ricoperto all’università; settore disciplinare di riferimento; dipartimento di afferenza; università di afferenza.

Nella seconda parte verranno invece formulate domande aperte (lunghezza max. delle risposte da stabilire) finalizzate a raccogliere informazioni sulle condizioni lavorative all’interno dell’università.

La possibilità di diversificare la ‘valutazione’ sulla base dei dati strutturali di cui sopra  permetterà altresì di meglio individuare gli ‘anelli deboli’ dell’università e quali aspetti da parte di coloro che studiano e lavorano all’università devono essere migliorati o cambiati.

Per costruire la seconda parte del questionario sono state individuate le seguenti macro-categorie comuni che andranno poi riformulate a seconda della componente di riferimento:

1) Qualità e condizioni del lavoro dello studio e della ricerca;

2) Qualità della didattica (dalla prospettiva di chi insegna e dalla prospettiva di chi usufruisce del servizio);

3) Qualità delle strutture universitarie;

4) Qualità dei servizi universitari;

5) Qualità delle relazioni tra le varie componenti universitarie;

6) Qualità e trasparenza della valutazione e dei processi di valutazione

7) Prospettive future

1) Il primo punto riguarda principalmente: risorse e strumenti a disposizione; possibilità di partecipare e organizzare seminari, conferenze, progetti nazionali e internazionali; rapporti con riviste e case editrici; tempo a disposizione per lo studio/ricerca, ecc.

2) Rispetto al secondo punto gli aspetti d’interesse sono: l’offerta didattica; la distribuzione del carico didattico (rispetto alle ore complessive giornaliere e al semestre); la coerenza del piano didattico/di studio, ecc.

3) Il terzo punto concerne: la raggiungibilità e distribuzione  degli edifici universitari sul territorio; la qualità delle sue strutture e dei suoi spazi quali aule, biblioteche, laboratori; (ex. aule sovraffollate, poco o troppo riscaldate; mancanza di posti di studio, mobilio rovinato); la qualità dei servizi igienici; la sicurezza.

4) Nel quarto punto si presterà attenzione ai servizi in gestione dell’ateneo e a quelli in cogestione con altri enti pubblici. A tale proposito punti d’interesse sono: le biblioteche, in termini di orari di apertura, possibilità di prestito, facilità a trovare i volumi, ecc.; le strumentazioni a disposizione come computer, attrezzature di laboratorio, patrimonio librario; agevolazioni che riguardino trasporti pubblici, servizi culturali, mensa, ecc.

5) Nel quinto punto si cercherà di comprendere come sono strutturate le relazioni tra le componenti tenendo conto delle differenti situazioni interattive: lezioni; ricevimento del professore; rapporto con le segreterie e con le biblioteche del dipartimento e dell’ateneo; rapporto di lavoro e collaborazione con colleghi e superiori, ecc.

6) Il sesto punto riguarda principalmente: esami; sedute di laurea (triennale e specialistica); concorsi per dottorati, assegni di ricerca, posti per  ricercatori, professori associati, professore ordinari, ecc.

7) Con quest’ultimo punto si cercherà di comprendere quali prospettive future le varie componenti dell’università vedono per la loro carriera – dentro o fuori il mondo accademico – e  per l’università. Una delle ipotesi che si cercherà di appurare a tale riguardo è come il crescente disinvestimento nell’università disincentivi soprattutto le generazioni più giovani a proseguire non solo il proprio percorso all’interno del mondo accademico ma anche quello formativo.

In sintesi, attraverso lo strumento questionario si proveranno a raggiungere i seguenti obiettivi:

1)  restituire una panoramica articolata delle situazioni e condizioni lavorative nell’università italiana;

2)  raccogliere da un punto di vista multiprospettico impressioni e suggerimenti su quegli aspetti che coloro che studiano e lavorano all’università credono vadano migliorati o cambiati.

Infine, durante la elaborazione dei dati si terrà conto anche dei seguenti dati che il gruppo di ricerca provvederà, dove possibile, a raccogliere: a) bilancio dei singoli atenei e distribuzione delle risorse; b) bilancio complessivo della spesa per la formazione e la ricerca nell’università pubblica e su incidenza rispetto al bilancio complessivo delle spese; c) composizione della componente studentesca e della componente accademica considerando dove possibile i dati strutturali sopra indicati; d) percentuale e numeri reali dell’abbandono universitario; e) percentuali e numeri reali su base annua della fuoriuscita dalla carriera universitaria, ecc.

Nella redazione del rapporto finale si andranno quindi a relazionare i risultati della indagine empirica con i dati e le informazioni di ordine statistico, al fine di rendere più completo il quadro della ricerca e di meglio enucleare i nodi problematici emersi dal questionario.

 

I risultati del questionario verranno discussi pubblicamente sia nelle sedi locali che a livello nazionale, al fine di stimolare un dibattito che coinvolga attivamente studenti, ricercatori e docenti nell’elaborazione dei dati e delle conclusioni e per costruire, laddove assente, un ambito di iniziativa che dia un seguito al lavoro di inchiesta proponendo e organizzando iniziative e proposte.

Contatti per adesioni

Per chi è interessato al progetto e desidera aderire e contribuire a realizzarlo, si può rivolgere a:


– barbara.gruning2@unibo.it

– giorgio.tassinari@unibo.it

– ferretti@to.infn.it

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: